Saggio

Task Force

Caro Vecchio,

Sono un appassionato lettore della tua rubrica. Ti ringrazio perché sei la guida spirituale della Val di Cornia, senza di te e i tuoi consigli, la vita sarebbe senz’altro peggiore nonostante Guerrieri, Pazzagli, Roventìni e Velo. Io sono una persona semplice, non ho studiato purtroppo diffido delle cose che non capisco e sono molte.

Sono preoccupato per l’inquinamento derivante dalla cokeria, ma oggi sui giornali ho letto che è stata inserita una “Task force” composta da Comune, Asl, Arpat, sindacati e gruppo Lucchini e questo, invece di tranquillizzarmi mi ha preoccupato maggiormente. Siccome non conosco l’inglese non so di cosa si tratti, ma per ora, in attesa di una tua risposta in merito, cammino rasente ai muri con la parte posteriore anche se ciò non è molto comodo. Con deferenza
Arturo

Caro Arturo,
purtroppo anche io l’inglese lo mastico poco. E’ verissimo che questi cocker sono molto fastidiosi e i loro padroni non si curano mai di usare la paletta ecologica, ne risulta il puzzo che sappiamo. Purtroppo è ancora poco chiaro se questo allevamento porti ricchezza alla popolazione, di sicuro porta un grande disagio e un gran (scusa il termine) merdaio. Pur non conoscendo bene la lingua, quindi, ti dico che a naso (ed in questo caso non se ne può far a meno) con il termine “Task Force” si indica che a qualcuno verrà qualcosa in tasca, mentre qualche altro lo prenderà in tasca. Chi farà parte del primo gruppo e chi apparterrà all’altro lo lascio immaginare a te, ma credo che i facenti parte del secondo gruppo (che sono parecchi) si siano ormai abituati.

Parchi S.p,a. taglia gli alberi alla Sterpaia

Mio Saggio

Ho saputo che la Parchi SPA ha fatto tagliare delle piante alla Sterpaia perché secche e perché intralciavano non so che cosa. I permessi della forestale, Asl, Isl, X, Y, Z erano tutti regolari. Il WWF ha reclamato, ma io sono d’accordo con la Società Parchi. Non credi anche tu che la natura vada guidata e non debba spontaneamente svilupparsi, altrimenti sarebbe dannosa all’uomo? Distinti saluti
Bingo Bongo

Caro Bingo,

la natura, come tu dici, va guidata e incanalata e non può essere lasciata crescere spontaneamente, deve essere naturale. Quante volte si vedono crescere arbusti, alberi, piante, che deturpano il nostro moderno panorama, dando un senso di tristezza, di arretratezza e di primitività? Viviamo in un bel comprensorio moderno, ricco di fabbriche, è giusto disboscare e, soprattutto, ripulire, lo, per esempio, sono anche un convinto sostenitore del cemento che dà un senso di ordine e di pulizia. Le piante secche o, peggio ancora, le piante vive e rigogliose della Sterpaia, intralciavano la marcia verso il progresso, ecco cosa intralciavano.

E ti dirò di più: hanno intralciato anche coloro che le hanno tagliate. La Società Parchi, inoltre, deve creare benessere, soprattutto a coloro che fanno parte dell’Ente stesso. E’ noto che meno si lavora e più si guadagna e meglio si sta. Trovo, anche per questo motivo, che la decisione sostenuta dall’Ente sia ineccepibile, Tagliando queste piante maledette, l’Ente Parchi avrà ancor meno da lavorare e, quindi, meno grattacapi. E’ incoraggiante, comunque, sapere che la Società Parchi, in così breve tempo, è cresciuta talmente da non dipendere più in alcun modo dall’esistenza dei Parchi che fanno parte oramai del passato e devono essere distrutti o, quanto meno, ridotti. Intralciano,



Share Button