Dal 1° gennaio 2018 è entrata in vigore la novità fiscale che consente di detrarre al 19% le spese sostenute per gli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico fino ad un massimo di 250 euro annui
BUS

Con il nuovo anno diventa ancora più conveniente scegliere di fare l’abbonamento per muoversi con i mezzi di trasporto pubblici.
Dal 1° gennaio 2018 sono infatti entrate in vigore alcune novità fiscali previste dalla Legge di Bilancio che, in fase di dichiarazione dei redditi, consentiranno di detrarre i costi sostenuti nel corso del 2018 per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale fino ad un massimo di 250 euro.
La detrazione è pari al 19% delle spese sostenute e spetta anche se le stesse sono sostenute per i familiari a carico. In sostanza, se nel corso del 2018 la spesa per l’abbonamento al bus sarà pari a 250 euro, sarà possibile scontare dalla dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo 47,5 euro di costo abbonamento e cioè il 19% di 250 euro.
“Si tratta di una novità molto importante, finalizzata ad incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico commenta il Presidente di Tiemme Spa, Massimiliano Dindalinie che finalmente è stata concretizzata dal Governo all’interno della nuova Legge di Bilancio. Desideriamo rivolgerci fin da ora a tutta la nostra utenza affinché conservi il proprio abbonamento, così da poterlo allegare a tutta la documentazione fiscale utile in fase di dichiarazione dei redditi”.

 



Share Button