Camberini presenta la proposta di bilancio per il 2018

Piombino: Consiglio Comuanle

Piombino: Consiglio Comuanle

In dirittura d’arrivo il bilancio di previsione 2018 che l’assessore Ilvio Camberini presenterà al consiglio comunale per la sua approvazione il prossimo 23 febbraio.

Blocco dei tributi comunali, ripresa degli investimenti e mantenimento quantitativo e qualitativo dei servizi sono gli aspetti più evidenti di questo nuovo bilancio, che, attraverso una ragionevole solidità finanziaria, riesce a mantenere inalterati i servizi sociali alla cittadinanza senza nessun aggravio fiscale. Inoltre, come per l’anno scorso, tutto questo viene affiancato dalla prosecuzione dell’azione di lotta all’evasione e alla morosità per il recupero di risorse da impiegare proficuamente nell’erogazione di maggiori servizi.

“A fronte di una forte riduzione dei trasferimenti statali e regionali – afferma l’assessore alle finanze Ilvio Cambierini – siamo riusciti negli anni a razionalizzare le spese e a mantenere tutte le agevolazioni sociali e gli standard di welfare senza aumentare le tasse. Significative sono le riduzioni delle entrate alla voce dei trasferimenti, in diminuzione anche quest’anno rispetto al 2017. Il trasferimento statale per l’Ici, ad esempio, non riesce a coprire la perdita derivante dal mancato introito dell’imposta. Solo attraverso il risparmio siamo riusciti a mantenere gli stessi livelli di prestazioni.”

Nessun aumento dunque per Tari, Imu, Imposta di soggiorno e per le altre tariffe e imposte comunali. Confermate tutte le agevolazioni sociali già in vigore dall’anno scorso per le fasce di reddito più deboli compresa l’esenzione dell’addizionale Irpef per i redditi fino a 20.000 euro; per tutti gli altri rimane allo 0,5 per cento.

Il bilancio di competenza 2018 ammonta a quasi 61 milioni di euro; analizzato nelle singole voci, prevede circa 24 milioni di entrate per tributi comunali, 2 milioni e 400 mila euro di trasferimenti regionali e statali, 7 milioni e 800 mila euro di entrate da servizi comunali. In merito a quest’ultima voce, le multe incidono per 1 milione e 650 mila euro, 2 milioni e 400 mila euro circa arrivano invece dai parcheggi, compresi quelli costieri.
Sul fronte delle spese, le cifre parlano di 31 milioni di spese correnti nelle quali sono inclusi 6 milioni e mezzo circa per il servizio dei rifiuti urbani di Sei Toscana, 1 milione e 300 mila euro circa di spese socio sanitarie, 1 milione e 451 mila euro per servizi educativi (mense e trasporto scolastico).
Tra le spese, inoltre, 11 milioni e mezzo circa di investimenti per opere pubbliche che prevedono diverse realizzazioni. In programma:

  • 400 mila euro per la bonifica di Città Futura,
  • 2 milioni e 180mila euro per la riqualificazione delle aree urbane degradate (area via Roma e arretramento binari)
  • 7 milioni e 800 mila euro saranno destinati all’Apea, area produttiva ecologicamente attrezzata di Colmata, per la quale verranno impiegati 5 milioni per il 2° lotto dell’urbanizzazione primaria dell’area, altri 300 mila euro per la manutenzione straordinaria del cavalcaferrovia delle Terre Rosse, e ulteriori 2 milioni e 700 mila euro per il potenziamento della rete di adduzione al porto e alla parte est della città.

Ci sono poi ulteriori interventi per il miglioramento della città, con la sistemazione di via della Fortezza, della sede pedonale e stradale di via Pisacane, la razionalizzazione dello svincolo di via Forlanini e via dei Cavalleggeri, la ristrutturazione di piazza Verdi (440 mila euro) e di piazza Cappelletti (320 mila euro), la ristrutturazione del parco della Rimembranza per 600 mila euro. Per la frana di viale del Popolo sopra la spiaggetta di piazza Bovio è previsto un investimento di 200 mila euro.
Sul fronte dell’edilizia scolastica, sono previsti il rifacimento degli infissi della scuola elementare “Dante Alighieri” per 900 mila euro e altri 700 mila euro per l’efficientamento energetico della scuola. Per gli impianti sportivi il rifacimento del tetto alla palestra del Perticale per altre 167 mila euro.
Infine un milione e 500 mila euro circa saranno impiegati per interventi di conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico e paesaggistico del Parco di Baratti e Populonia.



Share Button