IMG_20201225_171937_resized_20201226_082034164

La facciata della chiesa di San Giuseppe Artigiano a Salivoli

Quale Natale ci apprestiamo a festeggiare in questo 2020, in cui l’orologio si è fermato e quando è ripartito andava avanti a scatti.

Chi l’avrebbe detto lo scorso anno tra luci addobbi e feste in piazza che avremmo dovuto attraversare un periodo di incertezza dettato dalla pandemia. Eppure c’è una città, Piombino, che ha aggiunto ai suoi problemi, gli altri dovuti a questo Covid-19 che solo 11 mesi fa si pensava che fosse una cosa da cinesi, ma che dopo poche settimane ci ha fatto conoscere il significato della globalizzazione.

Piombino sta rispondendo bene con la solidarietà in questo periodo di pandemia, molte associazioni vecchie e nuove si danno da fare per aiutare chi è solo e chi non ce la fa a sbarcare il lunario. E ci sarà sempre più bisogno di condivisione e di aiuto per una città che aspetta da anni, che da sola e con i soli proclami della politica non riesce a emergere da una situazione di stallo economico. Piombino ha subito perchè si trovava già in recessione, con la crisi dell’industria e conseguentemente del commercio . Uno sviluppo che ancora tarda per grossi problemi infrastrutturali un porto nuovo ma isolato, una fabbrica della quale ancora non si conoscono le sorti e le intenzioni future.

Mai come adesso c’è necessità di solidarietà, di credere nella nostra città di aiutarla a sviluppare quella resilienza di cui molto si parla, ma che non è poi molto facile da mettere in atto.
Piombino deve trovare una via di uscita, attraverso la valorizzazione del proprio territorio e la nascita di piccole realtà economiche in grado di diversificare. Un occhio al passato, ma con una rilettura verso il futuro, che cambia continuamente e in fretta.
Noi dell’Etrusco non ci saremo a documentare questi eventi. Ma speriamo e ci auguriamo che arriverà a breve la luce in fondo al tunnel

Buon Natale a Tutti!



Share Button