Fratelli1Il circolo di Fratelli d’Italia a Piombino, nei giorni scorsi, aveva sollevato il problema del concorso che assegnerà ben venti posti nel nuovo organico dell’Autorità di Sistema Portuale del mar Tirreno e che però trova una stranezza nella spartizione dei posti, ossia lo sbilancio a sfavore degli uffici di Livorno dei vincitori del concorso.

“Troviamo alquanto strano questo indebolimento degli uffici di Piombino e riteniamo grave la situazione al punto che la delegazione piombinese rischia di perdere efficienza nei servizi. Proprio ora che il porto di Piombino ha messo in campo le sue strategie di sviluppo e tutti i progetti anche sulle banchine nuove, sorprende che questo concorso, che valutiamo nel suo complesso importante per il riordino e la sistemazione dell’organico, penalizzi Piombino. Oggi nella delegazione di Piombino sono vari i posti ricoperti a tempo determinato che però fanno funzionare la macchina piombinese. Chiederemo direttamente al comitato di gestione portuale i motivi che hanno spinto l’AdSP a scegliere la destinazione quasi totale dei posti del concorso a Livorno, troviamo alquanto strano l’indebolimento di Piombino che oggi, da anni, copre anche la rappresentanza dell’isola dell’Elba”.

Fratelli d’Italia è l’unica forza politica che si è interessata a questa questione, stando vicina ai lavoratori e agli interessi di sviluppo e crescita dello scalo piombinese.

Fratelli d'Italia Piombino


Share Button