Parte venerdì 27 marzo il progetto #ParlaConNoi, attivato dal Comune di Campiglia Marittima

volantino Parla_Con_Noi_ok[767]Il Comune con la Cri di Venturina con sue cinque volontarie psicologhe attiva un servizio gratuito
Parte venerdì 27 marzo il progetto #ParlaConNoi, attivato dal Comune di Campiglia Marittima in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Venturina Terme e cinque psicologhe del territorio che attraverso un filo diretto telefonico aiuteranno ad affrontare questo difficile periodo di epidemia Covid-19. L’idea è quella di un servizio che costituisca uno strumento di prevenzione volto a incrementare e rafforzare i fattori protettivi e a ridurre i fattori di stress ambientali, organizzativi e familiari.

Il servizio può essere richiesto telefonicamente al numero di cellulare 335 7835030, dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 12.00. si effettua una prenotazione dopodiché si verrà richiamati. Sono cinque, tutte donne, le psicologhe volontarie che, gratuitamente, si prenderanno cura dei cittadini da qui al termine dell’emergenza, una situazione nuova e complessa in cui è possibile e comprensibile avere bisogno di supporto: Claudia Carfagna, Agnese Cerbai, Alice Colombini, Sabrina Fagioli e Giulia Veracini.

L’ iniziativa consiste nel costituire uno sportello d’ascolto telefonico per garantire un supporto psicologico ai cittadini durante il periodo del Coronavirus, configurandosi come un servizio di consulenza facilmente accessibile a tutti e in cui è possibile trovare un professionista in grado di ascoltare, recepire, promuovere e sostenere coloro che vi si rivolgono. Il servizio è aperto a tutti gli abitanti del Comune di Campiglia Marittima che si trovano in una situazione di disagio momentaneo causata dalla lunga permanenza in casa, dalla coabitazione forzata, dalla difficoltà di organizzare la giornata all’interno delle quattro mura domestiche e che non sono seguiti dai servizi sociali per analoghe problematiche.

Anche i minori di età possono accedervi, purché la richiesta del servizio venga effettuata da una persona maggiorenne e venga prestato il consenso assistito da entrambi i genitori con allegato il rispettivo documento di identità. In quest’ultimo caso sarà valutata dal singolo professionista l’opportunità di dar corso al servizio.

Così dichiara la sindaca di Campiglia Marittima Alberta Ticciati “Ringrazio la mia assessora Elena Fossi che in poche ore è riuscita a mettere in piedi un progetto di supporto psicologico grazie alla collaborazione ed alla sensibilità di professionisti del nostro territorio che, gratuitamente, in questo momento di difficoltà, si sono messi a disposizione. Grazie, grazie davvero! sono queste piccole, ma grandi cose che danno la cifra della ricchezza e coesione di una comunità”.

Spiega l’assessora Elena Fossi: “Molta è stata la fatica per mettere in piedi un progetto così. Apparentemente banale, ma di difficile realizzazione perché molti erano gli aspetti da verificare e valutare. È uno sforzo però condiviso con le psicologhe che si sono subito messe a disposizione con le proprie competenze e sensibilità. Ho chiesto loro perfino di fare foto per il volantino rassicuranti perché in questo momento ce n’è veramente bisogno. E loro hanno prontamente risposto. Le ringrazio dal più profondo prima di tutto perché sono tutte donne. Ancora una volta le donne diventano la colonna portante di un sostegno importante per tutta la collettività. Naturalmente un sincero e doveroso ringraziamento va a Croce Rossa che in ogni occasione c’è, con i propri mezzi, con le proprie risorse anche umane, di cui solo una grande famiglia come la loro può disporre. Grazie a tutti #andratuttobene!”.



Share Button