Casale

Casale

Nei giorni scorsi la giunta regionale della Toscana ha provato a normalizzare la situazione degli agricamping visto che nonostante queste strutture fossero regolari per i Comuni, alcune di esse hanno ricevuto addirittura i sigilli in quanto non in regola per la Regione.

Apprezzando lo sforzo della giunta regionale, seppur tardivo, per Fratelli d’italia non basta e bisogna tornare a un confronto con gli operatori del settore perché queste strutture rappresentano un turismo diverso e in crescita dove gli imprenditori hanno già anche fatto investimenti importanti.
La Toscana è solitamente riconosciuta dai turisti sia per le bellezze naturali sia per le varie tipologie di offerta turistica e crediamo che questa legge vada a penalizzare tutto il settore anziché promuoverlo e dargli la possibilità di poter destagionalizzare.

Questo fatto per FDI è un grave errore sia per l’economia sia per lo sviluppo del territorio.
Nessuno, se non il mercato, può decidere qual è l’offerta giusta richiesta dai turisti e le istituzioni sono chiamate a riconoscere tali esigenze e darne una regolamentazione.
Nel rispetto del territorio, altre regioni si stanno attrezzando per attrarre questa tipologia di turisti a discapito della nostra perciò come Fratelli d’Italia chiediamo di non ostacolare questo settore ma anzi di convocare al più presto tutti gli imprenditori e le associazioni di categoria per capirne i bisogni reali e correggere gli errori di questa legge. È urgente fare questo passo affinché non sia troppo tardi e si rischi di perdere tutto il valore che la nostra regione potrebbe offrire ai turisti di tutto il mondo.

Fratelli d'Italia Piombino


Share Button