In programma anche nuovi criteri per il ripristino stradale

capuano-assessore-piombino

Clauio Capuano

Cambiamenti in vista per la gestione delle strade vicinali, strade fuori dal centro abitato, prevalentemente in campagna, costruite su un suolo privato ma con un uso pubblico.
L’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Piombino Claudio Capuano e il presidente Consiglio di gestione Asa s.p.a. Andrea Guerrini hanno illustrato durante una conferenza stampa a Riotorto alcune novità significative introdotte dalle modifiche al regolamento Asa s.p.a. .

Dal 2012 l’Asa s.p.a. non aveva più alcuna competenza sulle strade vicinali per la gestione dell’acquedottoha spiegato l’assessore Capuano a seguito di una modifica introdotta dall’Autorità idrica Toscana. Ciò ha significato un aggravio di interventi e di manutenzione a carico dei residenti, che spesso si sono fatti carico in questi anni di situazioni anche complesse nei casi di perdite di acqua o simili. Adesso la manutenzione di queste strade, anche se private, rientrano tra le competenze di Asa s.p.a. che è quindi legittimata a intervenire per qualsiasi problema idrico. Si tratta di un risultato importante e non scontato.”

“Si tratta di una delle priorità che ci hanno sollecitato i sindaciha spiegato Andrea Guerriniinsieme al ripristino delle strade. Stiamo quindi lavorando con le amministrazioni locali su questi temi e la revisione del regolamento delle vie vicinali è un primo risultato. ”

La modifica al regolamento è stata deliberata infatti nell’ambito dell’Autorità idrica toscana, espressione dei sindaci, che a questo punto dovrà stilare un preciso regolamento su come il gestore del servizio idrico, in questo caso Asa s.p.a. , dovrà intervenire sulle strade vicinali.
A questo punto le fasi che seguiranno saranno quelle del passaggio di consegna delle reti ad Asa s.p.a. – spiega Guerrini – L’Ait dovrà fornire inoltre delle nuove linee guida per fare in modo che gli interventi per i ripristini stradali siano maggiormente curati, evitando rattoppi, formazione di buche avvallamenti dell’asfalto e valutare gli interventi nelle strade sterrate.”

Un’azione virtuosa dunque scaturita dal lavoro comune tra le amministrazioni comunali, l’Autorità Idrica Toscana e Asa s.p.a. . In questo contesto il Consorzio delle strade vicinali dovrà fornire una ricognizione del quadro attuale portando all’attenzione anche gli interventi che finora hanno effettuato i privati a proprie spese.


Share Button