Luigi Coppola

Luigi Coppola

Cesare Battisti, di professione assassino e latitante, omonimo, purtroppo, di un famoso patriota e martire della tirannia austroungarica, è stato riconsegnato alle autorità italiane. Certamente questa notizia non renderà meno fievoli il dolore e le sofferenze che costui ha provocato, perlomeno però, la giustizia potrà fare il suo corso, come è giusto che sia.

Non giustifico mai l’omicidio, è aberrante togliere la vita ad un essere umano, non comprendo neanche gli eventi storici che portarono agli “anni di piombo”, se pur vi fossero stati passaggi storici oscuri ed inspiegabili. Nonostante ciò, riconosco che vi sono stati terroristi che si sono pentiti dei loro crimini e tanti hanno pagato pesantemente per ciò che hanno commesso. Cesare Battisti al contrario, non solo non si è mai pentito, ma ha sempre mantenuto un atteggiamento di sfida nei confronti dello Stato italiano e di coloro a cui ha fatto del male. “Redde rationem”.

Luigi Coppola Segr. Provinciale UDC


Share Button