Armando3A fine luglio scorso il Consiglio Comunale piombinese ha approvato la costituzione di una commissione d’inchiesta su ASIU, e su TAP (ribattezzata nel 2014 in RiMateria).

Quello che è sembrato anomalo è il comportamento del PD, ma nessuno ha perso tempo ad analizzare.
Riportava la cronaca il 23 maggio di un anno fa:Respinta dalla maggioranza (PD e Stile Libero), la mozione con la quale i partiti di opposizione (Rifondazione Comunista, Un’Altra Piombino, Movimento 5 Stelle, Ferrari Sindaco-Forza Italia, Ascolta Piombino), chiedevano l’istituzione di una commissione di inchiesta e controllo su Asiu e RiMateria.”.

Nella discussione la consigliera di maggioranza Bruna Geri espose molto bene per quale motivo votava contro questa commissione. In seguito questo voto contrario, con il puzzo che scaturiva da Ischia di Crociano, con il rifiuto di indire un referendum contro la cessione delle quote di maggioranza di RiMateria, contribuì alla disfatta elettorale del PD a Piombino. Una fine paragonabile solo alla morte cocciuta e ricercata, con forza e determinazione, dai delfini quando si spiaggiano sull’arenile.

Dopo queste decisioni che dovrebbero rimanere impresse nell’hard disk a perenne memoria, alla fine del luglio scorso, non solo il PD approva la commissione, ma la rende possibile rinunciando volontariamente al diritto di presiedere la commissione come stabilisce lo statuto comunale, che lo assegna al partito di opposizione più consistente.
Verrebbe da supporre che a fine del luglio scorso i consiglieri del PD, forse pigiando inopinatamente un tasto della tastiera,  avessero completamente cancellato la memoria di come si erano comportati nel maggio del 2018 e i danni riportati.

Come detto, della discrepanza nessuno si è posto il problema di dare giustificazioni, tanto meno Bruna Geri, questa volta dai banchi dell’opposizione. Ha motivato la decisione di votare a favore per l’istituzione della commissione come un’apertura democratica dell’opposizione verso la maggioranza ottenendo applausi e “like” su FB dai supporter, anche loro con l’hard disk cancellato.

Per riuscire a dare un senso e quindi comprendere cosa possa essere passato per i cervelli fini di via Marco Polo, sede della federazione del partito e a far loro cambiare idea siamo andati a verificare quale fatto nuovo possa essersi verificato in ASIU e TAP/RiMateria fra il 23 maggio 2018 a fine luglio 2019. Ebbene, il 4 marzo 2019, Rimatera, con la cessione da parte di ASIU del 30% di quote a Navarra ed un altrettanto 30% posseduto da UNIRECUPERI diventava privata.

Una commissione d’inchiesta comunale è diversa da una commissione d’inchiesta parlamentare che ha gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria. Quella comunale può esaminare (a fatica) gli atti delle proprie strutture. Mettere il naso sulla documentazione di TAP/RiMateria privata è quasi impossibile per il socio di minoranza a meno che non ci sia una benevolenza dei soci di maggioranza
Ci sembrava di essere arrivati ad una spiegazione razionale, ma sottoposto il ragionamento alla critica di alcuni politici locali di lungo corso, il nostro ottimismo si è subito smorzato.

Con un sorrisetto di quasi commiserazione, ci è stato spiegato che stavamo sopravalutando i personaggi coinvolti in queste piroette i quali sarebbero dei sempliciotti di provincia che non sarebbero mai capaci di elaborare ragionamenti tanto fini.
Altri si sono detti sicuri e informati che la prima decisione (marzo 2018) era stata dettata da Gianni Anselmi, mentre la seconda da chi gli è contro: da Silvia Velo. L’incoerenza sarebbe derivata da dispetti reciproci e lotte interne fra Gianni Anselmi e chi opera per sottrargli la Federazione e la prossima candidatura alla Regione.

Sono tre ipotesi, la prima è la più razionale, ma la Repubblica Veneziana perse la sua sovranità perché attribuiva agli avversari la stessa sua razionalità mentre, gli avversari erano spesso preda dell’emotività,
Dal dibattito in consiglio comunale è scaturita, però, una certezza: il Consiglio Comunale, tutto, ha deliberato la costituzione di una commissione di inchiesta su ASIU, TAP/RiMateria, ma  non sa assolutamente cosa e a chi inchiedere. Ha tempo per pensarci.



Share Button