Pienza

Certo deve essere stata una bella soddisfazione per Renzo Mezzacapo andare a presentare il suo romanzo: “Due corvi neri volarono sul campanile della chiesa” a Pienza Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO dal 1996.
Pienza è un borgo di poco più di duemila abitanti, ma è un posto magico, la città ideale che papa Pio II Piccolomini volle realizzare con l’architretto Rossellino, allievo di Giovan Battista Alberti. E’ una città con profonde tradizioni culturali.

CappelloLa presentazione è avvenuta a CAFFEINA – Emporio letterario di Pienza, dove, nei giorni 17-18-19 Maggio, sono stati presenti 17 importanti scrittori Italiani per presentare il loro lavoro. Fra i quali tra gli altri: Antonio Forcellino, Giancarlo De Cataldo, Marco Travaglio, Francesco Guccini, Albero Garlini, Anna Luisa Pignatelli.
Una strana coincidenza: in una parte del romanzo di Mezzacapo, relativa al XVI secolo, racconta di un colloquio tra due personaggi, un monaco e un cardinale: ...”Per tutta la vita Rodrigo Borgia si è comportato in modo disonorevole e perfino da Papa non rinunciò alla sua amante ufficiale, Giulia Farnese, che divenne anche la padrona della Santa Sede. Se dovessimo giudicare e condannare la Chiesa per quanto ha fatto Rodrigo Borgia in quei tristi anni, saremmo cattivi giudici perché solo lui è il colpevole. Senz’altro, dopo la sua morte, è stato giudicato da Dio e punito, ma noi, ora, dobbiamo sperare che nostro Signore sia misericordioso nel giudicare anche i nostri peccati.» …
Il romanzo è stato presentato proprio nella casa di papa Rodrigo Borgia, ha del magico e del misteroso.

Continuano le coincidenze strane intorno a questo romanzo.


Share Button