Francesco Vannucci  sessantaduenne di Suvereto, è il terzo uomo dell’affare Russia-Gate

DCF 1.0

Francesco Vannucci durante la campgna elettorale del 2004

La notizia di questi giorni, che ha tinto di giallo le pagine dei giornali italiani in questa calda estate, è stata la questione “Russia Gate”: un incontro a Mosca in un hotel, il Metropol il 18 ottobre scorso con il ministro dell’interno Matteo Salvini, il legale avvocato Gianluca Meranda, il consulente bancario Francesco Vannucci e alcuni faccendieri Russi. La questione è legata alla vendita di petrolio tra Russia e Italia di cui una probabile parte di denaro con la quale sarebbe stato finanziato l’affare, “finito” nelle casse del Carroccio. Questo quanto emerso dalle registrazioni dell’incontro che sono state pubblicate dal sito americano BuzzFeed.

A svelare l’identità sul terzo uomo che ha fatto parte della squadra italiana all’incontro con i magnati russi, è stata una telefonata arrivata all’agenzia Ansa martedì sera, proprio dallo stesso Vannucci: “Sono io il terzo uomo… il nonno Francesco! Anche io ero a quell’incontro, ma fu tutto regolare“. La notizia ha fatto il giro dei telegiornali tanto che ieri, per tutta la giornata, molti fotografi e giornalisti sono rimasi fuori del cancello della villetta in viale della Libertà a Suvereto dove Vannucci vive con la madre.

esce dalla villa_vannucci

Vannucci esce dopo la perquisizione

Francesco Vannucci è un nome noto alla politica locale. Esponente provinciale della Margherita nei primi anni 2000, passò successivamente al PD per il quale è stato fondatore della sezione locale. La sua professione è quella di bancario, ha lavorato al Monte dei Paschi e attualmente svolge la libera professione di consulente a Roma .

giornalisti fuori della villa_vannucci

Giornalisti fuori della villetta di Suvereto

vannucci va via con la macchina

Alle 20,30 esce Vannucci dalla villa con la sua macchina dentro la quale ci sono due agenti della Finanza

Nel pomeriggio di ieri non c’erano soltanto giornalisti fuori della villetta di viale della Libertà, ma alle 16.00 si sono presentati i militari della Guardia di Finanza della compagnia di Milano, che per molte ore hanno perquisito minuziosamente il giardino della villa e l’interno dove, pare ci fosse solo la madre. Il Vannucci è arrivato nel primo pomeriggio con la sua auto e una collaboratrice domestica. Dopo oltre 4 ore, alle 20,30, l’auto della Finanza esce dalla villa con tre agenti in borghese, poco dopo il Vannucci alla guida della sua auto esce con a bordo altri due agenti in borghese. Dove stanno andando non è dato saperlo. Per tutte queste ore i militari dell’Arma hanno perquisito e parlato con il Vannucci che pare non abbia auto con se un legale .



Share Button