sbaracco-piombinoAl via lo “Sbaracco” da venerdì 15 febbraio e per tutta la giornata di sabato 16 nelle vie centrali di Piombino, corso Vittorio Emanuele, via Ferrer, piazza Verdi, piazza Cappelletti, corso Italia, via Lombroso.
Dalle 9 del mattino fino alle 20 i negozianti che partecipano alla “svendita” di fine inverno esporranno le loro rimanenze e i fine stagione sulle bancarelle esterne ai negozi a prezzi molto convenienti.

“Una iniziativa che cerca di rivitalizzare il mondo del commercio, che tutti sappiamo essere in difficoltà in questo momento – afferma il sindaco Giuliani Stiamo programmando iniziative anche nei periodi di bassa stagione proprio per animare la città e offrire prospettive. Il nostro commercio può essere attore attivo di questo processo che deve vedere tutti, pubblico e privato, uniti nel condividere obiettivi di sviluppo.”

Sono ormai passati diversi anni da quanto la Confesercenti si fece promotrice per la prima volta di quello che ormai è diventato un appuntamento fisso per Piombino e non solo. Da allora lo Sbaracco è diventata una certezza che per due volte all’anno consente, alla fine dei tradizionali saldi di fine stagione, di fare ottimi acquisti.
I tradizionali gazebo bianchi, allestiti dagli esercizi aderenti all’iniziativa, provenienti da tutte le zone della città, saranno aperti al pubblico con lo loro offerte: ce ne sarà davvero per tutti i gusti e tutte le esigenze, dall’abbigliamento agli articoli per la casa, dai prodotti per la cura del corpo ai giochi per bambini, dalla telefonia all’ottica e altro ancora.
Nelle due giornate si ricorda quindi il divieto di transito e di fermata, anche per gli autorizzati, nelle strade interessate dalla manifestazione dalle 7 di venerdì alle 24 di sabato 17.

Per una migliore organizzazione dell’evento si ricorda inoltre che, oltre ai parcheggi più trafficati delle vie del centro, alcuni dei quali riservati ai residenti, sono disponibili anche i più ampi parcheggi di piazza Saragat (davanti alle Casette Minime) con oltre 73 posti auto, dell’Ex Fonderia Bernardini, tra via G. Bruno e viale del Popolo, con una capienza di circa 80 posti, in loc. Macelli, nel piazzale retrostante il cimitero alla fine di via G. Bruno, con altri 40 posti.
In caso di maltempo la manifestazione verrà spostata al fine settimana successivo (venerdì 22 e sabato 23 febbraio).


Share Button