giornata paralimpica

L’Assessore Simona Cresci con (a destra) Fabrizio Caselli

Si è svolta ieri a Piombino la Giornata Paralimpica, organizzata dal Comune con il Comitato paralimpico toscano a conclusione del campus paralimpico 2020. La giornata conclusiva si è svolta nella palestra del Perticale, scelta all’ultimo momento al posto di piazza Bovio, a causa delle condizioni meteo. Presenti oltre all’assessore allo sport del Comune di Piombino Simona Cresci e al Sindaco Ferrari, il Presidente del comitato paralimpico Toscano Massimo Porciani. Ambasciatore paralimpico è stato Fabrizio Caselli, 52enne atleta poliedrico, che nella sua vita ha praticato l’handbike prima di passare al pararowing ed infine al bob, disciplina quest’ultima che lo ha visto protagonista – poco prima del lockdown – con uno storico secondo posto in Coppa del Mondo a St. Moritz, garantendo la prima storica medaglia per la disciplina nella storia paralimpica italiana.

Nella palestra del Perticale sono stati dieci punti attività con dimostrazioni di basket, tennis, sitting volley, arti marziali, scherma, tennis tavolo, bocce, danza, tiro con l’arco e tiro a segno con atleti paralimpici. giornata paralimpica1corsa

Presenti le scuole di primo grado della città, con gli alunni che in gruppi con mascherina e distanziamento hanno potuto conoscere le difficoltà che un atleta incontra nelle varie discipline, ma anche come piene aiutato dalla tecnologia e dagli istruttori ad allenarsi e a partecipare a gare internazionali.
Così si prova a giocare a tennis seduti su una carrozzina, dove i movimeti delle gambe sono sostituiti dalle ruore che devono girare e muoversi avanti e indietro seguendo la traiettoria della pallina. Oppure come può correre in pista un atleta non vedente collegato attraverso una cordicella al polso del proprio istruttore.

Questo evento – dichiara Simona Cresci, assessore allo Sport – è un’occasione per i nostri studenti e per tutti i cittadini di conoscere un mondo sportivo, purtroppo spesso lontano dalla nostra quotidianità, formato da grandi atleti che, con dedizione e sacrificio, raggiungono incredibili risultati. È l’unico evento del genere organizzato nella nostra regione, motivo di grande orgoglio per la nostra città”.



Share Button