Un monitoraggio delle strutture ricettive in relazione ai servizi offerti per la pratica sportiva.

Vice Sindaco Stefano Ferrini

Vice Sindaco Stefano Ferrini

Nell’ambito della candidatura di Piombino a città europea dello sport, l’assessore allo sviluppo economico e vicesindaco Stefano Ferrini ha inviato a tutte le strutture ricettive del territorio comunale una scheda per la rilevazione delle caratteristiche, degli eventuali impianti sportivi esistenti nella struttura, dei servizi offerti per la pratica sportiva, della possibilità di offrire diete specifiche per sportivi, servizi per ospiti diversamente abili e altro. Le strutture dovranno rispondere nel giro di due settimane reinviando in Comune la scheda compilata.

“La finalità di questa azione è duplice – afferma il vicesindaco Ferrini – mappare la situazione della nostra ricettività in termini di servizi sportivi offerti al turista, sia quello balneare estiva interessata a vivere esperienze legate alla natura ed allo sport, sia allo sportivo che viene o potrebbe venire in bassa stagione per praticare sport; individuare con le stesse strutture le loro esigenze ed idee per consentire loro di svilupparsi ulteriormente sul turismo sportivo. Questo anche in termini strutturali e quindi di esigenze di ampliamenti dal punto di vista urbanistico, in linea con gli indirizzi che il nuovo piano strutturale dovrebbe avere.
Incrociando poi i dati con la programmazione delle iniziative delle società sportive con le loro esigenze in termini di posti letto e servizi – continua Ferrini – possiamo mettere tutti vari attori nella condizione di offrire pacchetti dedicati al turismo sportivo. Naturalmente anche il Comune deve fare la sua parte realizzando -e quindi investendo- tutti quei servizi a libera fruizione per lo sportivo che viene a fare sport da noi e per il turista che oltre a fare mare, pratica sport. Penso alla sistemazione della sentieristica per trekking e mountain bike sul quale stiamo già lavorando, penso alla individuazione di scivoli e servizi come spogliatoi, docce, parcheggi attrezzati e quant’altro necessario per gli sport velistici sui quali invece dobbiamo attrezzarci, soprattutto in città. In ottobre, in preparazione del bilancio 2019 per la parte investimenti faremo una riunione coi Lavori Pubblici ed il Bilancio per programmare questi interventi.
L’obiettivo primario di questa candidatura a Città dello Sport 2020 a mio avviso sta proprio in questo, ossia nella possibilità di sviluppare a tutto tondo il turismo sportivo come fonte di creazione di reddito ed occupazione, facendo del turismo una vera e propria industria.”


Share Button